CRISTINA RIZZO (ITA): BOLERO EFFECT

  • - CreditsConcept e Coreografia: Cristina Rizzo
    Performance: Annamaria Ajmone, Cristina Rizzo, Simone Bertuzzi
    Elaborazione sonora e Djing: Simone Bertuzzi aka PALM WINE
    Cura e distribuzione: Chiara Trezzani
    Produzione: CAB008 con il sostegno di Regione Toscana e MiBACT
    Coproduzione: Biennale di Venezia Danza In collaborazione con Terni Festival
  • - InformazioniVen 19 H 19.00
    Sab 20 H 22.45
    CAOS / studio 1
    TARIFFA 5 / 3 €
    DURATA 50 min.
  • - Linkhttp://www.cristinarizzo.it
Condividi

BoleroEffect è un percorso coreografico che si sviluppa a partire dal famoso Bolero di Ravel. Ma che cosa è effettivamente un Bolero? È come un’isola deserta. Un luogo dove ri-cominciare, un tracciato sonoro dentro cui trovare delle brecce, un’erotica del corpo tesa a rompere il quadro della compostezza. Scritto nel 1928, quando Ravel soffriva dei primi sintomi del FTD (frontotemporal dementia), il Bolero è ‘un esercizio da comportamento compulsivo’. L’intero pezzo è costruito su una singola melodia, divisa in due frasi, che si ripete nove volte. Il Bolero raveliano ci trascina in uno stato di esaltazione inibita.
BoleroEffect sul piano musicale si articola intorno alla ricerca di sonorità border-crossing all’interno di ritmiche da ballo pensate come una corsa archeologica a partire dalla partitura di Ravel mentre il corpo è articolato nella dimensione di apertura totale. Il tentativo è quello di attivare un luogo di co-abitazione, un luogo utopico della scena dove figura corporea e sfondo perdono i propri limiti. Spostare il paradigma dal dominio alla disposizione. Ma è mai possibile la definitiva rinuncia a tutte le proprie abitudini mentali?

Il 20 settembre BoleroEffect diventa Rapsodia (THE ALL NIGHT LONG version)
L’energia coinvolgente evocata dall’EffettoBolero, si propagherà dal buio profondo alle luci dell’alba in una dance hall border-crossing aperta a tutti, una corsa archeologica tra ritmi tropical e suadenti melodie che gradualmente asseconderanno la dimensione del sonno.
P.S è consigliato portare una coperta o un sacco a pelo come per uno sleep concert!

This new project is on Ravel’s most famous work. The Bolero written in 1928 when Ravel was suffering the first symptoms of FTD (frontotemporal dementia), the whole piece is built on one single melody – divided into two phrases – repeated nine times. But what is actually a Bolero? It is like a desert island, far away from the continents. An extended expressive field, a gesture of enrolment in the world. The project is a music research of border-crossing resonance of dance rhythms, thought of as an archaeological route starting from Ravel’s Bolero. The attempt is to activate a place of co-habitation, a Utopian stage place where figure and background lose their own limits. Shifting the paradigm from dominion to disposition. Is it ever possible to give up one’s own mental habits once and for all?

  • CreditsConcept e Coreografia: Cristina Rizzo
    Performance: Annamaria Ajmone, Cristina Rizzo, Simone Bertuzzi
    Elaborazione sonora e Djing: Simone Bertuzzi aka PALM WINE
    Cura e distribuzione: Chiara Trezzani
    Produzione: CAB008 con il sostegno di Regione Toscana e MiBACT
    Coproduzione: Biennale di Venezia Danza In collaborazione con Terni Festival
  • InformazioniVen 19 H 19.00
    Sab 20 H 22.45
    CAOS / studio 1
    TARIFFA 5 / 3 €
    DURATA 50 min.
  • Linkhttp://www.cristinarizzo.it
Share