FOSCA (ITA): PREZZEMOLINA O DELLA PENOMBRA

  • - CreditsLiberamente tratto dall’omonima fiaba italiana, nella versione a cura di I. Calvino
    A cura di: Fosca
    Ideazione e regia: Caterina Poggesi
    Assistenza al progetto e alla regia: Katiuscia Favilli
    Consulenza drammaturgica: Martino Ferro
    Consulenza visiva: Maria Pecchioli
    Scene e costumi: Nancy Kaczmarek
    In scena: Cristina Abati, Giulia Comper, Maria Caterina Frani, Claudio Tosi, Davide Woods
    Musiche originali di e con: Cristina Abati (viola e violoncello), Claudio Tosi (voce) e Davide Woods (sax e pianoforte)
    Produzione: Fosca 2013
    Con il contributo di: Regione Toscana
    In collaborazione con: Fondazione Teatro Metastasio (PO), Fondazione Toscana Spettacolo, Castello in movimento (MS) Archetipo/Teatro Comunale di Antella (FI), Kinkaleri/Spazio K (PO)
  • - InformazioniADATTO A BAMBINI TRA 8 E 11 ANNI E ADULTI
    TARIFFA 3€
    DURATA 60 MIN.
    DOM 28 H 17.00
    CAOS / TEATRO SECCI
  • - Linkhttp://www.fosca.net
Condividi

Prezzemolina è una fanciulla esile,
caparbia e tenace.
Memè, cugino delle fate, è un buffo mago/
musicista dall’aria sorniona e calma,
armato di sax. Le fate sono tre entità
malvagie e affascinanti. La Fata Morgana,
en travesti, mezzo orco mezza dama,
cantante. La madre una svampita violista.
Una fiaba post-espressionista, dal
retrogusto punk quasi impercettibile,
che si muove alla ricerca dell’idea di
“bellezza”. I colori, i suoni e la penombra
sono la linea dinamica che unisce tutti gli
elementi in una fruizione movimentata
che utilizza lo spazio teatrale in maniera
non consueta. Svela e nasconde.
Accompagna e sussurra. Fino alla fine
della fiaba, dove nel buio si compie
la trasformazione, attraverso il rito di
passaggio all’età adulta.

Prezzemolina is a tiny girl, stubborn and determinate. Memè, the fairies’s cousin, is a funny magician/ musician, sly and calm, who play sax. There are also three fairies, fascinating and evil creatures. Morgana is a singer, half fairy and half ogre. The mother is a hare-brained violinist. A post espressionist tale, vaguely punk, that looks for the beauty. Colors sounds and shadows connect all the elements creating a whole, an orchestra that uses the theatre space in a non conventional way. Until the end, when in the darkness, a trasformation takes place, as it happens when ones moves from childhood to adulthood.

  • CreditsLiberamente tratto dall’omonima fiaba italiana, nella versione a cura di I. Calvino
    A cura di: Fosca
    Ideazione e regia: Caterina Poggesi
    Assistenza al progetto e alla regia: Katiuscia Favilli
    Consulenza drammaturgica: Martino Ferro
    Consulenza visiva: Maria Pecchioli
    Scene e costumi: Nancy Kaczmarek
    In scena: Cristina Abati, Giulia Comper, Maria Caterina Frani, Claudio Tosi, Davide Woods
    Musiche originali di e con: Cristina Abati (viola e violoncello), Claudio Tosi (voce) e Davide Woods (sax e pianoforte)
    Produzione: Fosca 2013
    Con il contributo di: Regione Toscana
    In collaborazione con: Fondazione Teatro Metastasio (PO), Fondazione Toscana Spettacolo, Castello in movimento (MS) Archetipo/Teatro Comunale di Antella (FI), Kinkaleri/Spazio K (PO)
  • InformazioniADATTO A BAMBINI TRA 8 E 11 ANNI E ADULTI
    TARIFFA 3€
    DURATA 60 MIN.
    DOM 28 H 17.00
    CAOS / TEATRO SECCI
  • Linkhttp://www.fosca.net
Share