LEONARDO DELOGU
VALERIO SIRNA
HÉLÈNE GAUTIER (IT/FR)
L’UOMO CHE CAMMINA

  • - CreditsDi: Leonardo Delogu, Valerio Sirna, Hélène Gautier
    Con: Teofrasto Bombasto
    E con: Leonardo Delogu, Valerio Sirna, Hélène Gautier
    Con la collaborazione di: Vincenzo Scalera, Mael Veisse, Rocky Marciano e Giovanna, i cittadini di Terni, gli WOW e le altre band
    Produzione: DOM-, Teatro stabile dell'Umbria, Terni Festival
    Co-produzione: Teatri di Vetro
    liberamente ispirato dal fumetto di Jiro Taniguchi
    Durata del tragitto: 2 h e 40 min
  • - InformazioniDA VENERDÌ 18 A GIOVEDÌ 24 SETTEMBRE
    H 17.00

    VENERDÌ 25 SETTEMBRE
    L’UOMO CHE CAMMINA | EXTENDED EDITION | camminata pubblica
    H.17.00
    Un’esplorazione a piedi nella città di Terni attraverso i luoghi dello spettacolo e quelli tagliati dal montaggio finale. Un tragitto che oltrepasserà quartieri e caseggiati, vegetazioni urbane, memorie industriali, cimiteri e campi incolti. A seguire cena, secret concert e live set.

    CITTA' DI TERNI
    PARTENZA DA BASE X
    (ingresso CAOS)

    indossare scarpe comode
    15 spettatori alla volta

    TARIFFA:
    Intero € 8.00
    Ridotto € 5.00
  • - Linkwww.casadom.org
Condividi

Un uomo percorre la città passeggiando. Attraversa periferie, spazi del vissuto quotidiano e luoghi liminali. Un tragitto che illumina gli accostamenti paradossali dello scenario urbano; una drammaturgia a zigzag, tra i centri dell’immaginario cittadino e le zone dimenticate ai bordi delle strade. Il frammento di una vita si dispiega: un pomeriggio di fine estate dall’andamento sospeso, la figura di un uomo umbratile e sfuggente, calato in un gioco di apparizioni e depistaggi narrativi. Attraverso il suo viaggio il paesaggio si apre e si svela agli occhi del pubblico che lo segue a distanza, come a spiarlo, in un alternarsi di campo-controcampo. Addentrandosi sempre più profondamente nel cuore della città, quello che sembrava essere un anonimo centro di provincia si trasfigura, prende forme insolite, i confini tra realtà e rappresentazione si assottigliano fino alla confusione, alla vertigine, al punto in cui non sarà più chiaro chi siamo, dove siamo, da quanto tempo stiamo camminando e se mai smetteremo di farlo.

Leonardo Delogu lavora come ricercatore sul movimento e il paesaggio, è performer e formatore. Nasce a Narni, in Umbria, nel 1981. Inizia gli studi di teatro nel 2002 con la Scuola Europea per lʼattore, realizzata dalla Fondazione Emilia Romagna Teatro per la direzione artistica di Cesare Ronconi e Mariangela Gualtieri del Teatro Valdoca. Dopo la scuola entra nella compagnia e partecipa alla maggioranza dei lavori prodotti fino ad oggi. Dal febbraio 2009 a giugno 2010 fa parte del Gruppo di Lavoro della Biennale sulle nuove scritture per la danza contemporanea diretto da Raffaella Giordano. Questa esperienza è alla base della fondazione, insieme ad altri 11 artisti, di FamigliaFuchè. Prosegue lo studio sul movimento con la compagnia di danza catalana Malpelo e con Claude Coldy, con il quale intraprende la formazione triennale in danza sensibile. Nel 2009 comincia un personale percorso di ricerca con il progetto Tabula rasa – Tu sei dunque venuto in questa casa per distruggere. Nel 2012 inaugura una nuova fase di lavoro con i percorsi formativi Camminare nella frana e Piccola scuola nomade che confluiranno nel progetto King, sostenuto da Armunia e Santarcangelo, Festival del teatro in piazza. Nel 2014, insieme a Valerio Sirna, dà vita al progetto DOM-. Ha collaborato con il collettivo Strasse, il collettivo CoLoCo, e il paesaggista francese Gilles Clement.

Valerio Sirna inizia a studiare teatro nel 2004. Si avvicina al teatro di ricerca nel 2009, lavorando in qualità di performer con Teatro Valdoca, Giorgio Rossi, ricci/forte, Muta Imago, Strasse. Nel 2011/12 frequenta il biennio di formazione Scritture per la Danza Contemporanea, diretto da Raffaella Giordano. Sta seguendo un percorso di formazione triennale, diretto da Claude Coldy, in Danza Sensibile. Nel 2013 partecipa al progetto di creazione artistica King: un cammino a piedi di 17 giorni dal Tirreno all’Adriatico con diverse tappe performative. Nel 2015 è assistente e collaboratore del progetto Roma – Gli anelli di Saturno, ma cura della compagnia Deflorian/Tagliarini. È membro del collettivo Il Signor Agostino Bontà, nato dal gruppo di studio diretto da Raffaella Giordano. Nel 2014, insieme a Leonardo Delogu, dà vita al progetto DOM-. È ideatore e curatore del progetto MAMMA ROMA, Esplorazioni urbane/Pratiche della percezione. Studia la pratica zen attraverso l’insegnamento dei Maestri Kidoh Sugimoto (Fumonken, Kyoto), Taiten Guareschi (Fudenji).

HÉLÈNE GAUTIER, danzatrice francese nata nel 1987, vive attualmente in Italia. Comincia a danzare con Richard Mégret. Si forma a Parigi, seguendo principalmente Nina Dipla, e, accanto, Nathalie Pubellier, Claude Brumachon e François Ben Aim per la danza, Ariane Lagneau per il clown.
Dal 2010 al 2012 danza nella creazione Kyma di Nina Dipla. Nello stesso periodo realizza il trio Piccole Marquisakis con Francesca Saraullo e Mairi Pardalaki. Nel 2012 partecipa alla Piccola Scuola Nomade guidata da Leonardo Delogu e nel 2013 raggiunge il gruppo di lavoro per il progetto King. Proseguendo con loro, nel 2015, partecipa alla creazione Nella casa c’è un pino che brucia dentro , progetto evoluto poi in DOM-. Parallelamente, continua a studiare con Elsa Wolliaston e Nacera Belaza. Nell’ estate 2015, entra a far parte del progetto RiAbitare il futuro in Abruzzo di Francesca Saraullo e Gisella Fantacuzzi.

A man walks slowly through the city. He crosses outskirts, everyday life spots and fringe areas. His path reveals paradoxes and juxtapositions of the urban scenario: a zig zag dramaturgy that combines iconic venues and forgotten places at the edge of the city.
A piece of life opens up: in a lazy late summer afternoon, the figure of a man, shady and ambiguous, set in an intricate game of appearances and plot devices.
Through his journey, the landscape is revealed to the audience who is following him from a distance, almost spying him, in a dance of field and reverse shot.
Entering and discovering the city deeper and deeper, what seamed to be a banal middle size city transfigures into unusual forms, while the borders between reality and fiction blur and get confused, until we don’t really know who and where we are, how long we have been walking for and if we will ever stop.

 

  • CreditsDi: Leonardo Delogu, Valerio Sirna, Hélène Gautier
    Con: Teofrasto Bombasto
    E con: Leonardo Delogu, Valerio Sirna, Hélène Gautier
    Con la collaborazione di: Vincenzo Scalera, Mael Veisse, Rocky Marciano e Giovanna, i cittadini di Terni, gli WOW e le altre band
    Produzione: DOM-, Teatro stabile dell'Umbria, Terni Festival
    Co-produzione: Teatri di Vetro
    liberamente ispirato dal fumetto di Jiro Taniguchi
    Durata del tragitto: 2 h e 40 min
  • InformazioniDA VENERDÌ 18 A GIOVEDÌ 24 SETTEMBRE
    H 17.00

    VENERDÌ 25 SETTEMBRE
    L’UOMO CHE CAMMINA | EXTENDED EDITION | camminata pubblica
    H.17.00
    Un’esplorazione a piedi nella città di Terni attraverso i luoghi dello spettacolo e quelli tagliati dal montaggio finale. Un tragitto che oltrepasserà quartieri e caseggiati, vegetazioni urbane, memorie industriali, cimiteri e campi incolti. A seguire cena, secret concert e live set.

    CITTA' DI TERNI
    PARTENZA DA BASE X
    (ingresso CAOS)

    indossare scarpe comode
    15 spettatori alla volta

    TARIFFA:
    Intero € 8.00
    Ridotto € 5.00
  • Linkwww.casadom.org
Share