LIV FERRACCHIATI (IT)
THE BABY WALK
STABAT MATER
Trilogia sull’Identità
Capitolo II

  • - CreditsIdeazione: Liv Ferracchiati
    Testo e regia: Liv Ferracchiati
    Con (in ordine alfabetico): Chiara Leoncini, Stella Piccioni, Alice Raffaelli e la partecipazione video di Laura Marinoni
    Dramaturg di scena: Greta Cappelletti
    Aiuto regia e costumi: Laura Dondi
    Scene e foto di scena: Lucia Menegazzo
    Luci e light design: Giacomo Marettelli Priorelli
    Suono: Giacomo Agnifili
    Riprese e montaggio Video Studio Carabas
    Direttore di scena: Emiliano Austeri
    Segretaria di compagnia: Sara Toni
    Ufficio stampa: Roberta Rem, Maddalena Peluso, Francesca Torcolini
    Un progetto della Compagnia: The Baby Walk
    Produzione: Centro Teatrale MaMiMò e Teatro Stabile dell’Umbria – Ternitestival
    Residenza: Campo Teatrale Milano
    In collaborazione con: CAOS - Centro Arti Opificio Siri - Terni
  • - InformazioniVENERDÌ 15 SETTEMBRE - H 21
    SABATO 16 SETTEMBRE - H 20
    CAOS Studio 1
    Durata: 95'
    Tariffa: L (promo 3 spettacoli: 17€)
  • - Linkthebabywalk.com
Condividi

“La Trilogia sull’Identità è il racconto di storie ordinarie in cui il transgenderismo non è l’unico centro.
Trattare il tema dell’identità di genere significa interrogare la nostra natura di esseri umani, sollevando interrogativi universali e culturali. La ricerca dei materiali per questo progetto inizia nel 2013 e siamo arrivati alla conclusione che la transizione è, prima di tutto, un percorso mentale verso la costruzione dell’identità di un individuo. I cambiamenti fisici, seppure fondamentali per alcune persone transgender, non sono il fulcro della questione e, a poco a poco, non sono più state nemmeno il fulcro della nostra indagine.
L’identità di genere si lega al concetto di “varianza di genere”, ossia al fatto che ognuno è uomo o donna per un insieme di fattori culturali e biologici.
Il materiale raccolto è stato ripartito in tre spettacoli, dando vita a tre differenti proposte di linguaggio: Peter Pan guarda sotto le gonne, mostra la parola come mancanza e incapacità di comunicarsi, Stabat Mater la innalza a strumento di rappresentazione e ricostruzione della propria identità, mentre in Un eschimese in Amazzonia diventa metafora della fragilità di qualsiasi forma scegliamo per noi stessi.”

Liv Ferracchiati
The Baby walk

In Stabat Mater, secondo capitolo della Trilogia sull’identità, viene raccontata la vicenda di un trentenne, scrittore, uomo di cui si possono notare gli aspetti più ordinari nonostante egli stia vivendo una situazione straordinaria. Tale straordinarietà consiste nel vivere al maschile quando tutti, almeno inizialmente, osservino come il suo corpo abbia sembianze femminili.
Il tema centrale è l’emancipazione dalla madre, la difficoltà di diventare adulti.
Anche in questo spettacolo vengono messe in discussione le certezze a cui ci appigliamo per non cadere in un territorio che potrebbe sfuggire al nostro controllo.
La direzione dell’attore si fonda sullo sforzo costante di una ricerca dell’autenticità, è una sorta di seconda partitura testuale fatta di pause, relazioni, ritmi martellanti o blandi, dinamiche emotive ogni volta rinnovate dall’ascolto dell’unicità del momento, una parola recitata come smozzicata che alterna, esattamente come la drammaturgia del testo, momenti di quotidianità esasperata ad invenzioni che la vanno ad alterare.
Il testo di Stabat Mater ha vinto il Premio Hystrio Nuove Scritture di Scena 2017.

Livia Ferracchiati
(Todi,1985) 

Si laurea in Lettere e Filosofia indirizzo Letteratura, Musica e Spettacolo a La Sapienza di Roma e si diploma in regia teatrale alla Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano. Nel 2015, Ha avuto esperienza di docenza in drammaturgia presso la scuola del Teatro Stabile dell’Umbria al Centro Universitario Teatrale. 
Nel 2014 vince il bando “Finestra sulla drammaturgia tedesca” e presenta il testo di Albert Ostermaier, sulla sabbia, al Piccolo Teatro Studio. 
Tuttavia, la vocazione di Ferracchiati è rivolta alla scrittura drammaturgica, a partire dall’ideazione di un progetto, per proseguire con la creazione in scena e compiersi con la regia dei suoi lavori.
Sempre nel 2014, scrive e mette in scena il testo ti auguro un fidanzato come nanni moretti! .
Nel 2015 fonda la Compagnia The Baby Walk*, con la quale inizia il progetto Trilogia sull’Identità, sul tema del transgenderismo da femmina a uomo, e ne realizza il primo capitolo: peter pan guarda sotto le gonne.  
Dal 2015 collabora con il Teatro Stabile dell’Umbria, per il quale, nel 2016, scrive e dirige todi is a small town in the center of italy, uno spettacolo-documento sulla sua città di origine, che cerca in Todi un paradigma della vita nella provincia italiana, presentato al Ternifestival 2016.
Al contempo, ha portato avanti la sua Trilogia sull’Identità, lavorando al secondo capitolo, stabat mater, Premio Hystrio Scritture di Scena 2017 (Coprodotto da Centro Teatrale MaMiMò e Teatro Stabile dell’Umbria/Ternifestival). 
Nel 2017, todi is a small town in the center of italy, peter pan guarda sotto le gonne e stabat mater, sono stati selezionati da Antonio Latella per la Biennale Teatro 2017. 45. Festival Internazionale del Teatro.

Attualmente, si dedica alla lavorazione e alla messinscena del terzo capitolo della sua Trilogia, un eschimese in amazzonia, Premio Scenario 2017. 

L’Associazione culturale THe Baby Walk
La Compagnia The Baby Walk nasce nel 2015, con la stesura e la realizzazione del progetto Trilogia sull’Identità, indagine in tre capitoli sul tema dell’identità di genere. Il gruppo utilizza diversi linguaggi: parola, danza e video. In particolare è indagato il rapporto tra cinema-teatro e tra danza-parola. Ogni progetto, anche se legato agli altri, è un “punto e a capo”. Si ricomincia, si rimette in discussione tutto dalla base, per questo i lavori proposti e realizzati possono anche essere differenti gli uni dagli altri, ma conservano una matrice comune.
The Baby Walk, in questo senso, vuole essere un crocevia pulsante di idee e azioni.

The Baby Walk sono: Liv Ferracchiati (regista/autore), Greta Cappelletti (dramaturg/autrice), Laura Dondi (costumista/danzatrice), Linda Caridi (attrice), Chiara Leoncini (attrice), Alice Raffaelli (attrice/danzatrice), Lucia Menegazzo (scenografa), Giacomo MarettelliPriorelli (light designer/attore), Andrea Campanella (videomaker).
Spettacoli realizzati: Peter Pan guarda sotto le gonne. Todi is a small town in the center of Italy. Stabat Mater.

“The Trilogy on identity is a composition of three performances that tell ordinary stories in which transgenderism is only one among the many topics.

Dealing with the issue of gender identity means interrogating our human beings nature, raising universal and cultural questions.

The quest for materials for this project begins in 2013 and we have come to see gender transition as a mind shifts, a psychological journey towards a new identity making. For this reason  body changes are not the focus of the issue nor of our research.

Gender identity is linked to the concept of “gender variance”, that is to say that everyone is a man or a woman for a set of cultural and biological factors.

The collected material was divided into three shows, who giving rise to three different language propositions: Peter Pan peeks under skirts, shows the word as a lack and inability to communicate, Stabat Mater raises it as an instrument of representation and reconstruction of one’s identity, while in a Eskimo in the Amazon the word becomes a metaphor of the fragility of whatever form we choose for ourselves.”

Liv Ferracchiati
The Baby Walk Company

 

In Stabat Mater, the second chapter of the Trilogy on Identity, is told the story of a thirty-year-old writer, whose ordinary aspects can be noticed even though he is experiencing an extraordinary situation. This extraordinariness consist for him in living in a male way, while everybody, at least at the beginning, observe his feminine body appearance

The central theme is emancipation from mother, the difficulty of becoming adults.

Even in this show certainties are questioned, certainties we are attached to not fall into a territory that could escape our control.

The actor’s direction is based on the constant effort of a search for authenticity, a sort of second textual score made of pauses, relationships, pounding or dull rhythms, emotional dynamics each time renewed by listening to the uniqueness of the moment, a Word recited as being reduced to pieces, which alternates, just like the dramaturgy, moments of everyday exasperated life with inventions that alter that life.

Stabat Mater won Premio Hystrio Nuove Scritture di Scena 2017.

 

LIV FERRACCHIATI
(Todi, 1985)

Ferracchiati graduated in Literature and Philosophy from Literature, Music and Performances at La Sapienza in Rome and graduated in theater direction at Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi ” in Milan. In 2014 Ferracchiati won the “Finestra sulla drammturgia tedesca” contest and presents the Albert Ostermaier’s text, AUF SAND, at the Piccolo Teatro Studio.

However, the vocation of Ferracchiati is directed to drammaturgy and playwriting, starting with the idea of a project, to continue with the stage-making and to perform with the direction of work.

In the same year (2014), F. writes and directed the text TI AUGURO UN FIDANZATO COME NANNI MORETTI! .

In 2015, F. founded the THE BABY WALK Company, with which started the TRILOGY OF IDENTITY project, on the subject of FtoM (female to male) transgenderism and reaized the first chapter: PETER PAN GUARDA SOTTO LE GONNE.

Since 2015 Ferracchiati has collaborated with the Teatro stabile dell’Umbria, for which writes and directs, in 2016, TODI IS A SMALL TOWN IN THE CENTER OF ITALY, presented at the Ternifestival 2016, which is show-documentary about Ferracchiati’s home town. The show’s trying to see in the little town Todi a paradigm of living In the Italian province

Currently, F. is working on the second chapter of the TRILOGY ON IDENTITY, STABAT MATER, Premio Hystrio Scritture di Scena 2017 (production by MaMiMo Teatro Centro and Stable Theater of Umbria / Ternifestival).

At the same time, F. is working on the third chapter, A ESKIMO IN AMAZON, Premio Scenario 2017.

In 2017 the works TODI IS A SMALL TOWN IN THE CENTER OF ITALY, PETER PAN GUARDA SOTTO LE GONNE and STABAT MATER, were selected by Antonio Latella for the Biennale Teatro 2017. 45. Festival Internazionale del Teatro.

 

 

The Baby Walk Cultural Association

The Baby Walk Company was born in 2015, with the drafting and realization of the Trilogy on Identity project,  a research into three chapters on the topic of gender identity. The company uses different languages: word, dance and video. The relationship between cinema-theater and word-dance is especially investigated. Each project is a “point and head”, even if tied to the others. Everything is restarted and questioned from the beginning, for this reason the proposed and made works may also be different from each other, but retain a common matrix.

The Baby Walk wants to be in this sense a pulsing crossroads of ideas and actions.

 

The Baby Walk are: Liv Ferracchiati (director / author), Greta Cappelletti (dramaturg / author), Laura Dondi (costume designer / dancer), Linda Caridi (actress), Chiara Leoncini (actress), Alice Raffaelli (actress / dancer) Menegazzo (set designer), Giacomo MarettelliPriorelli (light designer / actor), Andrea Campanella (video maker).

Performances made: Peter Pan peeks under skirts. Todi is a small town in the center of Italy. Stabat mater.

The company is working on the third chapter of Trilogy on Identity, an Eskimo in Amazon

 

  • CreditsIdeazione: Liv Ferracchiati
    Testo e regia: Liv Ferracchiati
    Con (in ordine alfabetico): Chiara Leoncini, Stella Piccioni, Alice Raffaelli e la partecipazione video di Laura Marinoni
    Dramaturg di scena: Greta Cappelletti
    Aiuto regia e costumi: Laura Dondi
    Scene e foto di scena: Lucia Menegazzo
    Luci e light design: Giacomo Marettelli Priorelli
    Suono: Giacomo Agnifili
    Riprese e montaggio Video Studio Carabas
    Direttore di scena: Emiliano Austeri
    Segretaria di compagnia: Sara Toni
    Ufficio stampa: Roberta Rem, Maddalena Peluso, Francesca Torcolini
    Un progetto della Compagnia: The Baby Walk
    Produzione: Centro Teatrale MaMiMò e Teatro Stabile dell’Umbria – Ternitestival
    Residenza: Campo Teatrale Milano
    In collaborazione con: CAOS - Centro Arti Opificio Siri - Terni
  • InformazioniVENERDÌ 15 SETTEMBRE - H 21
    SABATO 16 SETTEMBRE - H 20
    CAOS Studio 1
    Durata: 95'
    Tariffa: L (promo 3 spettacoli: 17€)
  • Linkthebabywalk.com
Share