MARKUS ÖHRN (SE)
BERGMAN IN UGANDA

  • - CreditsDi: Markus Öhrn
    Produzione: Markus Öhrn, Swedish Subterranean Movie Company
    In cooperazione con: Stadsschouwburg Amsterdam, Volksbühne am Rosa-Luxemburg-Platz (Berlin), Swedish Arts Grants Committee e Kunstenfestivaldesarts (Bruxelles)
    Durata: 90 minuti
  • - InformazioniMERCOLEDI 23/
    GIOVEDI 24 SETTEMBRE
    H 19.00>20.30
    VENERDI 25 SETTEMBRE
    H 22.00>23.30
    CAOS/SALA CARROPONTE
    TARIFFA:
    Intero €5,00
    Ridotto €3,00
  • - Linkhttp://markusohrn.org/
Condividi

Markus Ohrn, attraverso un’installazione dal doppio punto di vista, seziona la borghesia bianca narrata da Bergman nel film Persona del ’66 ad opera del Veejay che accompagna le proiezioni dei classici del cinema nelle baraccopoli in Uganda. Il pubblico siede in un’arena dotata di due schermi e assiste alla proiezione speculare del capolavoro di Bergman e del pubblico ugandese che assiste dello stesso in una shantytown di Kampala: il pubblico è nel mezzo dello spazio e al centro della riflessione c’è la cultura occidentale, vagliata da occhi altrui, una cultura europea che cade sotto il fuoco incrociato di una doppia visione: il VeeJay narratore della proiezioni che interpreta e narra il film per facilitarne la ricezione, insiste su analogie e differenze, avvicinando la vita nelle baraccopoli ugandesi alle case estive della borghesia svedese, facendo così detonare di nuova luce il mondo occidentale. Ohrn riprende il tema del nuovo colonialismo già affrontato nella video installazione White Ants/ Black Ants (2010) e nella performance We Love Africa and Africa loves Us (2012) approfondendo il nodo dell’imposizione gerarchica di paradigimi e valori agendone la relatività, facendo detonare la cultura europea restituita sotto nuova luce.

Markus Öhrn è un artista visivo svedese con sede a Berlino che lavora a cavallo di video, installazioni e performance. I suoi lavori sono stati presentati in Svezia e al livello internazionale in contesti come Museum of Modern Art di Stoccolma, il Kunstenfestivaldesarts a Brussels, e il Volksbühne e Arsenal a Berlino. Nel 2010 ha diretto la sua prima performance, Conte d’Amour che è stato premiato dall’Impulse Festival 2011 in Germania. Conte d’Amour è il primo spettacolo della trilogia che comprende We Love Africa and Africa Loves Us del 2012, e Bis zum Tod del 2014: le performance sono state mostrate al Theater Treffen di Berlino, Wiener Festwochen, Festival D Avignon, Festival Transamerique di Montreal e al Theater Der Welt di Mannheim.

Having reflected on the new colonialism in Africa through the video installation White Ants/ Black Ants (2010), and the performance: We Love Africa and Africa loves Us (2012), Swedish artist Markus Öhrn found a simple yet revealing format for reinterpreting white, bourgeois existential art – as epitomized by Ingmar Bergman’s 1966 film, Persona. With Bergman in Uganda, Öhrn lets the VeeJay, the star of the Ugandan video hall, the teller of the true story behind every film, shine a light back on European culture. This unique installation puts the audience in an interzone between the real film Persona, and the residents of Kampalas’s largest slum viewing the film in a shed with commentary from the all-seeing VeeJay. As this VeeJay comes from poverty, he illuminates Ingmar Bergman’s masterpiece, aptly comparing life in a slum and a Swedish summer house, deconstructing the white world.

Markus Öhrn is a Swedish visual artist Berlin based who works with video installations and performances. His works has been presented both in Sweden and internationally in places like Museum of Modern Art, Stockholm, Kunstenfestivaldesarts, Brussels, Volksbühne and Arsenal in Berlin.

In 2010 he directed his first theatre performance Conte d’Amour, that was awarded the 1st price at the Impulse Festival 2011 in Germany. Conte d’Amour was the first part of a trilogy that was followed by the performances We Love Africa and Africa Loves Us in 2012, and Bis zum Tod in 2014. The performances has been shown at festivals around the world like Theater Treffen Berlin, Wiener Festwochen, Festival D Avignon, Festival Transamerique, Montreal and Theater Der Welt, Mannheim.

  • CreditsDi: Markus Öhrn
    Produzione: Markus Öhrn, Swedish Subterranean Movie Company
    In cooperazione con: Stadsschouwburg Amsterdam, Volksbühne am Rosa-Luxemburg-Platz (Berlin), Swedish Arts Grants Committee e Kunstenfestivaldesarts (Bruxelles)
    Durata: 90 minuti
  • InformazioniMERCOLEDI 23/
    GIOVEDI 24 SETTEMBRE
    H 19.00>20.30
    VENERDI 25 SETTEMBRE
    H 22.00>23.30
    CAOS/SALA CARROPONTE
    TARIFFA:
    Intero €5,00
    Ridotto €3,00
  • Linkhttp://markusohrn.org/
Share