MK (IT)
B E R M U D A S_Terni I e II

  • - Creditscon Philippe Barbut, Biagio Caravano, Andrea Dionisi, Luciano Ariel Lanza, Annalì Rainoldi, Laura Scarpini, Francesca Ugolini musica Kaytlin Aurelia Smith, Juan Atkins/Moritz Von Oswald, Underworld ideazione e coreografia Michele Di Stefano organizzazione Carlotta Garlanda con Francesca Pingitore produzione mk 2017-18 e Teatro Stabile dell’Umbria in collaborazione con AMAT, Residance/Dance Haus Milano, CSS/Dialoghi - residenze delle arti performative a Villa Manin di Passariano Udine, Una diversa geografia/Villa Pravernara Valenza collaborazione artistica alla versione II Veridiana Zurita
  • - InformazioniGIOVEDÌ 21 SETTEMBRE - H 21.30
    SABATO 23 SETTEMBRE - H 21
    CAOS Sala Carroponte / Foyer
    Durata: 30'
    Tariffa: M
  • - Linkmkonline.it
Condividi

Il sistema coreografico di Bermudas, basato su regole semplici e rigorose che producono un flusso perpetuo di movimento nasce da tre principi. Primo: dev’essere una creazione “abitabile” da un numero di interpreti che può variare da tre a quindici. Secondo: si basa su una regola di movimento elementare la quale, moltiplicata, riesce a produrre elaborati complessi. Terzo: danzare, oltre che sul proprio corpo, vuol dire concentrarsi sul corpo degli altri. Secondo l’autore infatti “la danza del mio corpo produce lo spazio che dà alla danza del tuo corpo la possibilità di esistere”.
Il lavoro si ispira alle teorie del caos, alla generazione di insiemi complessi a partire da condizioni semplici, ai sistemi evolutivi della fisica e della meteorologia.
Il risultato finale tende alla costruzione di un luogo carico di tensione relazionale, un campo energetico molto intenso (cui il nome Bermudas ironicamente fa riferimento) attraversato da una spinta alla comunicazione immediata, necessaria per generare uno spazio sempre accessibile a qualunque nuovo ingresso.

Sabato 23 il sistema coreografico di Bermudas viene testato in questa versione da giovani allievi di scuole di danza ternane.

Michele Di Stefano è coreografo e performer.
Dopo gli studi universitari ha attraversato la scena musicale punk-new wave degli anni ottanta per approdare ad un progetto autodidatta di ricerca corporea con la fondazione di MK, gruppo ospitato nei più importanti festival della nuova scena.
MK si occupa di performance, coreografia e ricerca sonora. Nelle produzioni più recenti, le indagini coreografiche si muovono in bilico tra paesaggio puro e ricostruzione tormentata dell’esotico e ambienti performativi dando vita a progetti collaborativi come la Piattaforma della Danza Balinese curata al Festival di Santarcangelo nel 2014 e nel 2015 o il progetto AngeloMai Italia Tropici, una piattaforma divergente per artisti romani. Alla circuitazione degli spettacoli si affianca una intensa attività di conferenze, laboratori e proposte sperimentali: ha tenuto workshop e classi alla Biennale Danza di Venezia, alla Scuola Paolo Grassi e all’Accademia Nazionale di Roma.
Nel 2014 la Biennale Danza di Venezia MK riceve il Leone d’argento per la Danza.

Bermudas is a choreography pattern based on simple principles able to produce a restless flux of movement.

The first principle is that Bermudas can be created by a range of 3 >15 performers; the second is that simple movement, when multiplied, can generate a complex system.

The third is that dancing required a focus on the body of the others beyond self awareness. According to the artist indeed “my body dancing create the space that give your dancing the condition to happen.”

This work is inspired by the Theory of Chaos, by systemic generation process, by evolutive theories and even meteorology. The final outcome is a space charged of energy and relations, an energetic field (as the Bermudas geographic area) that facilitates a fluid communication that make the space always open to any new access.

 

Michele Di Stefano is a choreographer and performer.
Once crossed the punk new-wave music scene in the ‘80s, he self trained as a dancer and started MK, an artistic collective now considered as one of the most lively research ensemble of the Italian scene. The latest productions by MK propose different formats and performative environments as the Platform of Balinese Dance, for Santarcangelo International Festival 2014 an 2015 and AngeloMai Italia Tropici, an irregular platform for live arts in Rome. He held classes at Biennale Danza in Venice , workshops at Scuola Paolo Grassi Milan and at the National Dance Academy in Rome. He has been awarded the Silver Lion for innovation in dance at the IX Biennale Danza 2014 in Venice.

  • Creditscon Philippe Barbut, Biagio Caravano, Andrea Dionisi, Luciano Ariel Lanza, Annalì Rainoldi, Laura Scarpini, Francesca Ugolini musica Kaytlin Aurelia Smith, Juan Atkins/Moritz Von Oswald, Underworld ideazione e coreografia Michele Di Stefano organizzazione Carlotta Garlanda con Francesca Pingitore produzione mk 2017-18 e Teatro Stabile dell’Umbria in collaborazione con AMAT, Residance/Dance Haus Milano, CSS/Dialoghi - residenze delle arti performative a Villa Manin di Passariano Udine, Una diversa geografia/Villa Pravernara Valenza collaborazione artistica alla versione II Veridiana Zurita
  • InformazioniGIOVEDÌ 21 SETTEMBRE - H 21.30
    SABATO 23 SETTEMBRE - H 21
    CAOS Sala Carroponte / Foyer
    Durata: 30'
    Tariffa: M
  • Linkmkonline.it
Share