SILVIA COSTA | TABULA

  • - Creditsideazione e realizzazione Silvia Costa
    foto di Giulia Fedel
  • - Informazionidomenica 23 settembre | @LITTLE FUN PALACE | piazzale del CAOS
Condividi

Il cibo è per me prima di tutto colore. E con i colori io disegno. Si disegna con gli ingredienti come si tracciano linee a matita su un foglio bianco, si accostano gli elementi organici come si fa con i colori su una tela. Sfruttando la capacità cromatica e materica dei cibi si compone un quadro che è offerto, non solo allo sguardo, ma anche all’azione dello spettatore. Dall’operare delle sue mani, dal prendere delle sue dita, dallo scegliere secondo il proprio gusto, il quadro lentamente si modifica e piano si disfà sotto ai suoi occhi.

Treviso, 1984
Regista e performer, si diploma nel 2006 in Arti Visive e dello Spettacolo all’Università IUAV di Venezia. Dal 2007, insieme al musicista e compositore Lorenzo Tomio, inizia un personale lavoro di creazione per la scena. L’origine della sua ricerca parte da un’affezione all’immagine, da una volontà di scavo e discesa, là fino a dove essa conduce. Una ricollocazione continua di quel punto di rottura, dove dal guardare si può condurre lo spettatore a pensare. I suoi lavori sono stati presentati in alcuni dei principali festival italiani (Festival Uovo, Milano; Es.terni Festival, Terni; Contemporanea, Prato; Festival delle Colline Torinesi; Crisalide Festival, Forlì; Operaestate, Bassano; Zoom Festival, Scandicci; Natura dei Teatri, Parma) e internazionali (Festival de la Cité Internationale, Parigi; Euro-scene, Lipsia; BIT Teatergarasjen, Bergen; Drugajanje Festival, Ljubljana). Dal 2012, in seguito ad una commissione da parte del festival UovoKids di Milano, è iniziato anche un percorso di creazione di lavori installativo-performativi dedicati all’infanzia. Dal 2006 lavora come attrice con la compagnia Societas Raffaello Sanzio, e come collaboratrice artistica nelle produzioni teatrali e operistiche del regista Romeo Castellucci.

Food for me is first and foremost about colour. And with colours I draw. One draws with the ingredients as one draw lines in pencil on white paper. The organic elements go together like the colours on a canvas. Exploiting the colours and textures of foods, a picture is composed and is offered, not only for viewing, but also for some action by the spectator. From working with her hands, from taking it in her fingers, from choosing according to taste, the picture slowly changes and gradually comes apart beneath her gaze.

 

Treviso, 1984
Director and performer, in 2006 she graduated in Visual Art and Theater at IUAV University in Venice. Since 2007, with the italian musician and composer Lorenzo Tomio, she starts her own artistic project. The origin of her research starts from an affection to the image, from a need to dig and go deep down, untill where it leads. A continuous relocation of that breaking point, where from seeing you can lead the viewer to thinking. Her works have been featured in some of the major Italian festivals ( Festival Uovo, Milano; Es.terni Festiva, Terni; Contemporanea, Prato; Festival delle Colline Torinesi; Crisalide Festival, Forlì; Operaestate, Bassano; Zoom Festival, Scandicci; Natura dei Teatri, Parma) and International ( Festival de la Cité Internationale, Parigi; BIT Teatergarasjen Bergen; Drugajanje Festival, Ljubljana; Euro-scene, Leipzig). Thanks to the proposition from the festival Uovokids in Milano, in 2012 she starts to develop a series of performances and installations for kids. Since the 2006 she has been contributed as actress and artistic collaborator in most of all the productions for Theater and Opera by Romeo Castellucci.
  • Creditsideazione e realizzazione Silvia Costa
    foto di Giulia Fedel
  • Informazionidomenica 23 settembre | @LITTLE FUN PALACE | piazzale del CAOS
Share